Pagine

mercoledì 11 dicembre 2013

Ruchè a Barolo

Di Vittorio Rusinà


E' Luca di Bibendum il nuovissimo luogo del vino a Torino a parlarmi di Rosae di Giuseppe Rinaldi "E' Ruchè al 100%, solo che lo coltivano a Barolo, in Ravera, 2000 bottiglie, una bontà! Non lo possono chiamare Ruchè per via del disciplinare ma vale la pena, devi assaggiarlo".
Sono travolto dalla folle passione di Luca per Rinaldi, mi lancio e prenoto anche una bottiglia di Barolo Cannubi San Lorenzo Ravera 2009, quest'anno a Natale va di scena la grande tradizione a tavola.
La vigna di Ruchè è stata impiantata nel 1989 con barbatelle ricevute in dono da un amico di Scurzolengo del papà di Giuseppe.
Lo apro con i figli a una cena con pasta integrale e broccoli, peperoni in pinzimonio, fontina, rape, biscotti vegan, buono, certo non è il Ruchè di  Nadia Verrua o quello di Maurizio Ferraro, per me campioni assoluti e finora insuperati, ma ha una eleganza di profumi, fittezza (non è filtrato), una balsamicità che lo rendono un vino di classe. Una bottiglia da dimenticare qualche tempo in cantina e da riassaggiare con calma.

postscriptum: 1) Bibendum è in Via XX Settembre 3 a Torino.
                     2) Luca è chiaramente "innamorato" di Marta Rinaldi :)
                     3) I due soci di Bibendum sono divisi sul miglior Barolo di Rinaldi, Luca dice Cannubi, Simone
                         dice Brunate, chi avrà ragione?

9 commenti:

  1. Ahhh, il Ruchè!
    Un vino che sempre mi seduce.
    Ad oggi, tra quelli assaggiati, concordo con te su questi produttori di riferimento.

    RispondiElimina
  2. Davvero buonissimo!!
    Peccato conoscerlo da pochissimo tanto da non avere punti di riferimento con altri produttori..., ma meglio tardi che mai!
    Concordo sulla bella eleganza di profumi.

    RispondiElimina
  3. Concordo con l'articolo: questo Ruchè non è al livello di quello di Cascina Tavijn. Buono, senza dubbio, ma non ci ho trovato slanci particolari. Il Ruchè di Ferraro devo ancora provarlo, spero di colmare presto la lacuna.
    Valerio

    RispondiElimina
  4. Caro Vittorio, oltre al Ruchè di Barolo, ricordi il Grignolino di Barbaresco del buon Olek? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' da un po' che sto puntando ai vini di Bondonio...

      Elimina
  5. Vittorio, sono andato a Barolo da Giuseppe ad inizio 2013 (la prossima primavera ci tornerò), appena mi ha fatto assaggiare questo Rosae, ne ho prese alcune bottiglie. Ora, sto seguendo il tuo consiglio: devo ancora aprirne una.
    Ti aspetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrei essere in zona anch'io, in quel periodo:-)

      Elimina
    2. Primavera 2014 Daniele? Andiamo!

      Elimina