Pagine

giovedì 31 gennaio 2013

Ho rimandato fin troppo questo momento


Ho rimandato fin troppo questo momento, forse perché la scelta che stavo facendo era difficile, tormentata anche  se naturale e in qualche misura entrava in collisione con la mia attività di blogger (sempre che di attività si possa parlare) che tante soddisfazioni mi ha riservato negli ultimi tre anni.

Oggi dopo un week end a Montpellier durante il quale mi sono trovato ad impersonare, con difficoltà e lieve struggimento, due figure se non antitetiche quantomeno in conflitto di interessi: quella del "commerciale" (che brutta parola) e quella del blogger, ho deciso di “vuotare il sacco” pubblicamente e rendere edotto il mio pubblico che da pochi giorni, meno di un mese, vendo i vini di Arkè e di Mineral, per adesso non ho ancora venduto una “beata fava” però mi sto impegnando.
Quindi come è d’obbligo e di rito vi giuro che non recensirò più vini che sono nel listino dei due selezionatori.
Tranne tre eccezioni:

il 4 del prossimo mese parlerò del Munjebel rosso 8 e ne parlerò perché l’ho bevuto grazie a Gil Grigliatti che ne è un profondo ammiratore e che mi ha fatto cambiare idea su questo vino.

Il 15 parlerò del Munjebel bianco 7 e ne parlerò perché l’ho comprato io a Solicchiata nell’agosto del 2011 e non l’ho mai bevuto perché non amavo la figura un po’ alchemico/istrionica di Cornelissen sino a che Gil mi ha fatto assaggiare il rosso.

Il terzo post in conflitto di interessi, non ancora scritto, sarà quello su Stefano Amerighi.
Ci ho pensato tanto e alla fine ho deciso che non posso negarmi la possibilità di parlare di una persona speciale, la sua umanità d’antan, gentilezza, ironia e grande cultura enoica (anche se un po’ monotematica (ironia)) mi ha colpito molto e ha reso un lavoro duro (gli assaggi seriali a Montpellier) un gioco divertente e ricco ed io al suo cospetto mi sentivo profondamente ignorante.

Per cui mi son detto che se questa nuova attività mi permetterà di imparare e conoscere persone preparatissime e grandi degustatori come Stefano, Rolando, Francesco, il conflitto di interessi è il male minore, anzi è un problema trascurabile, perché ho fame di conoscenza e mi pare di avere intrapreso la strada giusta per me e per voi che mi leggete.
Di certo non scriverò per pubblicizzare la mia attività di agente, se lo facessi non riuscirei a guardarmi in faccia la mattina e sono certo che voi lettori non avete alcun dubbio sulla mia buona fede.

Luigi

15 commenti:

  1. Bene Luigi, non posso che farti il mio più grande in bocca al lupo per questa tua nuova avventura. E non ti preoccupare, il problema non è mai il conflitto di interesse in sé ma la sua gestione. La buona fede è sempre la migliore consigliere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido appieno le parole di Jacopo! E' tutta questione di gestione del conflitto di interessi ma già per come ti sei mosso stai andando alla grande!
      In bocca al lupo, Luigi!!!

      Elimina
  2. Congratulazioni davvero Luigi! (niente in bocca al lupo perchè ne abbiamo ammazzati già troppi di questi poveri lupi ;) )
    Sono d'accordo con te: il conflitto di interessi sarà il male minore di fronte agli orizzonti di sapere e conoscenza che ti si apriranno davanti, anche perchè credo che la tua serietà ed etica non si faranno sopraffare.
    Io mi son sempre fidato e continuerò a farlo va senza dire! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' molto tempo che vorrei scrivere un post proprio sugli animali che con il loro sacrificio ci hanno permesso, oggi di sedere comodamente al caldo difronte alla tastiera di un lap top e oggi li guardiamo come si guardano le iguane al rettilario.
      La tua sensibilità è la tua forza Andrea!

      Elimina
  3. Le testimonianze di amicizia e di fiducia che mi stanno arrivando sia qui sia su twitter, facebook, mi stanno toccando molto e vi chiedo scusa se sembro un po' laconico ma ho un leggero nodo alla gola, un misto di gioia, rammarico, esaltazione, paura, tristezza che mi bloccano un po' (e poi sono pur sempre piemontese) e mi rubano le parole di bocca, sappiate che sono onorato per l'attenzione e la fiducia che mi riservatee farò di tutto per non tradirla.
    Kampai

    RispondiElimina
  4. Mi aggiungo. Bella impresa quella di coniugare diffusione di una cultura enoqualcosa e altro ancora, con la trasparenza relativa alla propria posizione. Bella nel senso buono della parola. Perchè credo sia possibile e che tu abbia le caratteristiche per farlo. Anche perchè i lettori del tuo blog sono attenti. Essere chiari sin dall'inizio e per me, lettore, sapere quali sono i presupposti.
    Marco

    RispondiElimina
  5. in bocca al lupo Luigi. All'inizio troverai duro, ma non ti mancano competenza e capacità di trasmettere emozioni. Sii tenace.

    RispondiElimina
  6. Il pensarti a lavorare "nel settore" aumenta ancor di più la stima che ho nei tuoi confronti, e sono convinto che non ci sarà nulla che potrà farti deviare la strada della coerenza che hai sempre mantenuto nel tempo.
    In culo alla balena ! ( altrimenti Andrea se la prende per i lupi:) )

    RispondiElimina
  7. Complimenti Luigi,
    non potevi essere più chiaro - e sincero - di così. Ti auguro di riuscire nella difficile impresa di vendere senza svendersi, certo che tu sia in grado di farlo.
    Un saluto
    Roberto

    RispondiElimina
  8. A questo punto mI tocca vendere l'edicola e comprare un'enoteca :)
    Che il ki sia con te!

    RispondiElimina
  9. enrico togni viticoltore di montagna2 febbraio 2013 09:03

    io ho assistito all'investitura di mineral, la sera ti brillavano gli occhi, ne ero sicuro, vai e spacca tutto che lo puoi fare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che è anche un po' colpa tua. ;)

      Elimina
  10. Grazie a tutti,
    voglio dire al di fuori di ogni retorica e/o piaggeria che le persone incontrate in questi ultimi anni nel mondo enoico, dal produttore al giornalista/blogger all'appassionato all'enologo al venditore sono stati incontri molto ricchi e formativi e per questo vi ringrazio tutti per avermi aiutato a crescere e per aver limato quelle mie rudezze caratteriali che all'inizio permeavano i miei comportamenti.

    RispondiElimina