Pagine

martedì 6 maggio 2014

Fante, d'improvviso, il vino di Cristiana Galasso

di Vittorio Rusinà


Sono emozionato, sono qui con ancora un dito di nettare nel bicchiere, a tre giorni dall'apertura della bottiglia, il vino, vivissimo, mi entusiasma, è il Fante di Cristiana Galasso, è la conferma di una percezione.
Qualche mese fa uno scout mi disse di seguirla, è giovane, è naif...e dopo aver visto un suo bellissimo mazzo di fiori di campo sul profilo facebook di Nicoletta Bocca decisi di puntare i miei cent sui suoi vini, una cassa mista di tutto please!
Da subito mi colpì il Fante, un vino dedicato al grande scrittore americano, di origine abruzzese, John Fante che drammaticamente mi mancava nel novero delle mie letture...l'etichetta disegnata da un bimbo, bellissima nei tratti scuri di nero con barlumi di blu e rosso...la poesia di stelle, di cielo, di bellezza.
Il vino è un piccolo capolavoro da vigne coltivate in modo naturale, da uve fermentate spontaneamente, non filtrato, Montepulciano d'Abruzzo.
Fra le migliori bevute di sempre.

Feudo d'Ugni, Contrada Macchie, San Valentino in Abruzzo Citeriore (PE)
Cristiana Galasso sarà presente con i suoi vini a Navelli (AQ) il 10 e 11 maggio a Naturale2014

10 commenti:

  1. assai buoni tutti i suoi vini

    RispondiElimina
  2. È incredibile Vittorio, quanto tu riesca a farmi venir voglia di assaggiare un vino e conoscere una nuova realtà, leggendo i tuoi scritti.
    Lo devo assaggiare al più presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prendi anche il D'Ugni una bomba atomica, almeno 2 bottiglie una la bevi subito l'altra in 3-4 giorni, con Il Fante che costa meno esagera :) Ottimo anche il rosato ma non c'è ora, le ultime bottiglie le ho comprate io :)

      Elimina
    2. Non li conosco.Li cerchero' sicuramente e tu subito dietro alla lavagna a leggere "Chiedi alla polvere" e "La confraternita del chianti"!!!

      Elimina
    3. Sto leggendo "Chiedi alla polvere" ed è arrivato anche "La confraternita del Chianti" :)

      Elimina
  3. Ciao, scusa se non riesco ad espriermi bene con le parole (spero mi riesca meglio con il vino), vorrei ringraziarti per come mi descrivi, per come sei capace di lasciarti coinvolgere a tal punto da un vino fino a sentirne e capirne la vita, il perché della sua esistenza così com'è.

    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristiana per le tue parole, i tuoi vini sono un dono grande, il tuo D'Ugni ieri sera al terzo giorno dall'apertura mi ha commosso.

      Elimina
    2. Dove non osa la tua timidezza, osano egregiamente i tuoi vini !!

      Elimina
  4. Sono d'accordo su tutto!! Ciao Cristiana, Ciao Vittorio
    Ps: rimango in trepidante attesa di qualche "bianca e nordica" sorpresa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bianca e nordica sorpresa ...siamo in due :)

      Elimina